Cosa vedere a Pisa in un weekend

Con chiunque parli quando pronunci la parola Pisa inevitabilmente si pensa subito alla sua famosissima torre pendente, ma oltre a questa ragione che spinge migliaia di turisti ogni giorno a visitarla cos’altro c’è da vedere? Occhio però, non fate questa domanda ai lucchesi ed ai livornesi, la storica rivalità tra queste città si sente ancora oggi… Da buon calabrese, emigrato per gli studi in terra toscana, vi elenco cosa vedere a Pisa ed alcune utili informazioni per raggiungere e visitare la città senza spendere molto, naturalmente a mio avviso per gustare questa splendida città dovete dormirci almeno una notte.

Prima cosa da fare, raggiungere Pisa:

In autobus: la città di Pisa è collegata molto bene anche dagli autobus che partono da tantissime regioni italiane. FlixBus è sicuramente il modo più economico per raggiungere Pisa.
In treno: per chi arriva con l’alta velocità, la stazione di riferimento è Firenze, da qui ogni 20 minuti partono i regionali che in 50 minuti portano a Pisa. La stazione centrale si trova a 5 minuti a piedi dal centro della città.
In aereo: l’aeroporto di Pisa è ben collegato con tantissime città italiane ed europee grazie a diverse compagnie low cost, EasyJet, Ryanair, Vueling, Wizzair e tante altre compagnie di bandiera.

Dall’aeroporto alla città:

Il bello per chi vuole scoprire Pisa è che l’aeroporto si trova a 10 minuti dal centro della città. Per chi vuole risparmiare consiglio l’autobus (costo del biglietto 1,40€ valido 90 min.), in alternativa c’è il people mover, un nuovo treno che porta in prossimità della stazione ferroviaria  in pochi minuti al prezzo di 2,70€.

Dove Dormire a Pisa:

Il mio consiglio per scoprire Pisa è quello di alloggiare in un posto centrale, questo poiché la sera i mezzi pubblici scarseggiano e non riuscireste a spostarvi facilmente la sera. Tra le strutture che più preferisco vi segnalo  B&B Night & Day, B&B You & Me con prezzi simili, mentre chi ha la possibilità di spendere qualcosa in più consiglio il Royal Victoria. Tra gli ostelli invece vi segnalo, Hostel Pisa, situato a pochi passi dalla stazione ferroviaria e dal centro oppure l‘Hostel Pisa Tower, situato a pochi passi dalla Torre di Pisa.

Cosa vedere a Pisa in due giorni:

1. I Lungarni di Pisa: ovvero quelle strade che costeggiano il fiume Arno,  rinomate sia tra gli abitanti che i turisti; sono dei veri e propri punti di ritrovo per studenti poiché lungo questa via si trovano bar, ristoranti e pub, mentre per i turisti si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto, oltre che un bel posto per fare due passi a piedi. Alcuni di questi edifici sono di origine medievale, anche se nel corso degli anni hanno subito diverse trasformazioni. Il Lungarno Mediceo è forse il più importante per la presenza del Palazzo Vecchio, per la Chiesa di San Matteo e per il suo Museo Nazionale San Matteo (gratuito ogni prima domenica del mese) il quale ospita una delle collezioni più importanti al mondo di dipinti medievali su tavola, croci lignee dipinte di Cristo e la Madonna del Latte di Andrea Pisano. Tra gli altri edifici da vedere vi segnalo il Palazzo Reale e la Chiesa della Spina. Dopo un selfie su Ponte di Mezzo dovete salire verso Borgo stretto, uno dei quartieri più suggestivi di tutta la città. Come dice il nome stesso si tratta di una strada stretta, costeggiata da logge ricche di bar e negozi (forse un pochino troppo costosi).  

2. Piazza dei Miracoli:  riconosciuta come patrimonio Unesco nel 1987 è senza dubio una delle piazze più belle al mondo, una di quelle che ti conquista letteralmente. Con la Cattedrale del Duomo, il Battistero, il Camposanto Monumentale e il Museo delle Sinopie riesce a catturare l’attenzione di migliaia di turisti ogni giorno. L’ingresso alle opere non è tanto economico, ma una volta che ci siamo…

3. Piazza dei Cavalieri: per me una delle piazze più belle al mondo, amata dai turisti e forse poco apprezzata dagli studenti. Il nome risale al periodo in cui la piazza era sede del quartier generale dell’Ordine dei cavalieri di Santo Stefano. A lungo è stata il centro nevralgico della città. In questa piazza, oltre al palazzo sede della Normale di Pisa, si trova la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri, e la Torre del Conte Ugolino.

5. Il Murales di Keith Haring: a due passi dalla Stazione ferroviaria di Pisa, alle spalle del convento di Sant’Antonio, tra Piazza Vittorio Emanuele e Corso Italia si trova questo favoloso murale realizzato dall’artista statunitense nel lontano 1989 durante una visita in città. Il murale “Tuttomondo” è un simbolo di pace, nato dopo l’incontro tra l’artista ed uno studente dopo un discorso sulla pace nel mondo.

6.  L’Orto Botanico: a 3 minuti di cammino dalla Piazza dei Miracoli,  troverete l’Orto Botanico, una tappa che merita mettere in programma. Si tratta del primo orto botanico universitario del mondo, fondato nel lontano 1543 sulle rive del fiume Arno, e poi trasferito nell’attuale sede nel 1591. L’entrata è molto economica (2,50€ per gli adulti, ma sono previste diverse agevolazioni, tra cui il biglietto-famiglia, ovvero genitori con bambini – di soli 6 euro) ed è una sosta un po diversa.

Eventi da non perdere a Pisa

25 Marzo il Capodanno Pisano: uno degli eventi più sentiti dagli abitanti della città. L’inizio dell’Anno Pisano è scandito da un orologio solare posto all’interno del Duomo. A quanto pare un raggio di sole entra da una finestra detta Aurea colpendo una zona prossima all’altare maggiore a mezzogiorno in punto, questo segna l’inizio del nuovo anno. Tra gli eventi vi segnalo rievocazioni storiche, il Palio di San Ranieri e lo spettacolo pirotecnico.
16 Giugno La Luminara di San Ranieri: i lungarni vengono illuminati da migliaia di candele che al calar del sole esaltano i contorni di tutti gli edifici creando suggestivi giochi di luci e colori. Dopo le 23:00 partono i fuochi pirotecnici da 7 chiatte posizionate sul fiume.

Leggi anche:

Dove fare aperitivo a Pisa
 – Dove mangiare la Cecina a Pisa  

Commenti