Il mio viaggio indietro nel tempo sul Treno della Sila.

Fin da quando ero bambino giocavo con un trenino, che malgrado non emettesse suoni e dalla locomotiva non uscisse il fumo, nella mia immaginazione era quello che faceva ciuf ciuf e correva veloce come il vento. Chi l’avrebbe mai detto che prima dei miei 28 anni sarei salito a bordo di un vero treno a vapore, per l’esattezza sul Treno della Sila?

Il Treno della Sila sembra  davvero riportarmi indietro nel tempo. Appena arrivato nella stazione di Moccone la sensazione è proprio questa. Salito a bordo ho provato un’emozione molto particolare perché in un certo senso è come se realmente stessi viaggiando indietro nel tempo e mi fossi catapultato al 1926, quando questa locomotiva venne messa in funzione,  insieme ai miei nonni che hanno davvero viaggiato per ore ed ore a bordo di queste antichissime carrozze realizzate interamente in legno.

Il Treno della Sila inizia la sua lenta corsa dalla stazione di Moccone, l’odore pungente del fumo nero che si vede dal finestrino non mi lascia più, dopo poco ci si fa quasi l’abitudine, il fischio che risuona di tanto in tanto all’interno del Parco Nazionale della Sila mette il sorriso ai grandi ed ai più piccoli. Non potevo rimanere seduto in carrozza, dovevo assolutamente uscire sui balconcini per guardarmi intorno e per scattare qualche foto da far vedere a parenti ed amici, l’aria è pungente e l’odore del carbone è intenso, la fotocamera alla fine del viaggio andrà pulita accuratamente, ma le foto scattate sono davvero stupende.

Da Camigliatello Silano inizia il tragitto più suggestivo del Treno della Sila immerso nei boschi che costeggiano il lago Cecita, incastonato in un paesaggio reso ancora più bello dal manto bianco della neve, questo tratto di ferrovia attraversa gallerie e viadotti, in alcuni punti a velocità ridotta. Il treno viaggia ad una velocità di 30km/h ed arriva alla stazione di Silvana Mansio in circa 45 minuti.

Silvana Mansio è  la stazione a scartamento ridotto più alta d’Italia con i suoi 1400 metri di altezza, io non lo sapevo! E voi? Qui il treno rimane fermo circa un’oretta, giusto il tempo per assistere alla manovra di ricomposizione del treno che prevede la rotazione della locomotiva a vapore su un’antica piattaforma girevole  per il ritorno a Moccone.

Come raggiungere Il Parco Nazionale della Sila.

Per raggiungere il Parco il modo più veloce ed economico è sicuramente l’aereo, bisogna atterrare a Lamezia Terme, tra le compagnie lowcost vi segnalo Ryanair, Easyjet e Blue Air. Da Lamezia Terme si può raggiungere la Sila in pullman o in treno, a mio parere poi il modo migliore per scoprire il Parco Nazionale è prendere a noleggio una macchina.

Commenti